Er culo bianco de mi mojie

L’artra sera ho visto er culo bianco de mi mojie. L’ho visto sur barcone de casa nostra, quer culo grosso e bianco, l’ho visto mentre stava attaccata alla ringhiera e ce stava er vicino de casa che se la stava a scopà. Io ero sceso a portà a piscià er cane, che si quello non lo faccio scenne armeno du vorte ar giorno je scappa in casa e me piscia sur tappeto der salotto, quello che c’hanno regalato gli zii pe er matrimonio nostro!
Io e mi mojie se semo sposati du anni fa, e me sa che, come minimo so già sei mesi che se scopa er tizio che sta ar piano sotto ar nostro. Quello sta da solo, la moglie l’ha accannato l’anno scorso. Se n’è annata coll’amico suo che fa er dentista e, tra un otturazione e l’artra, s’atturava pure a lei. Je pareva strano che stava sempre dar dottore; e prima era na carie, e poi n’artra, e poi pe pulisse li denti…e quanti cazzo de denti c’aveva questa aho!
Mo, sto fijo de na mignotta, pe rifasse, se viè a scopà mi moje, a casa nostra. Nemmanco a casa, sur barcone de casa!
Ma io dico, co sto freddo, quella se vo fa scopa proprio sur barcone? Se vede che se la sentiva proprio calla stasera. Nun je l’ha fatta nemmeno a aspettà che annassi a lavoro stasera per fasse dà la prima ripassata. Ha dovuto sfruttà li venti minuti der cane pe fasselo mette ar culo.
Si perché, è proprio quello che sta a fa, e se sente pure da qui sotto!
“Daje” je dice “spigni, spigni!!” je grida ar tizio, e quello spigne e come, e come spigne.
Quelli manco me vedono, manco se so accorti che intanto che uno sta a spigne e l’altra lo sta a pijà, io so tornato cor cane e sto qua sotto a gustamme la scena.
Se sentono solo loro, che se la fanno da per loro. E’ tutto un “dammelo qua, mettemelo la, spetta che me giro, no girete così, girete de qua, girete de lla”
Intanto er cane s’è rotto er cazzo da aspettà qua sotto ar freddo mentre quei due se stanno a scopà sur barcone, io intanto me so acceso na sigaretta e me sto a gustà la scena, ma me pare che stanno quasi pe finì.
Tiro er collare ar cane se se arza, imboccamo er portone de casa e salimo su per le scale. Sento la porta de casa che sbatte, mbè quello sbatte pure quella, e er tizio che scenne pè le scale. Se incrociamo ar pianerottolo e je dico.
“Certo che er culo bianco de mi mojie nun se po’ proprio vede eh?”
Lui me sbianca tutto e je cascheno pe terra le chiavi de casa.
“Mo che voi fa? Me voi ammazzà?” me chiede lui?
“Ma che t’ammazzo! Nun te rendi conto che favore der cazzo me fai”
Quello me guarda e nun capisce.
“Ma non me meni che me scopo tu mojie?”
“Me sa che tu nn me stai a capì, se c’hai er core de scopatte mi mojie, co quer culo bianco e grosso che s’aritrova, nun te posso fa che li complimenti miei, e der cane. Fino a che te l’atturi tu, nun me tocca fa la fatica a me.”
Saluto er tizio sulle scale, e quanno sto pe entrà a casa je grido pe le scale
“Domani alle sei porto a piscià er cane! Me raccomando, riposate che te tocca n’artra vorta!”

Annunci

Informazioni su scrittorenonfamoso

Sono uno scrittore non famoso
Questa voce è stata pubblicata in la non scrittura, racconti zozzi, scrittore non famoso. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...